Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Informativa sulla privacy

INGV :: Nuova mappa del fondale marino
INGV :: Nuova mappa del fondale marino

INGV :: Nuova mappa del fondale marino

| Silvia Mattoni | la voce della comunità
Articolo letto 5682 volte
#LaRicercaComunica

Muri romani, antichi basolati e reperti di 2000 anni fa tra emanazioni di gas vulcanici. È il paesaggio sottomarino delle acque della baia di Pozzuoli evidenziato da una mappa batimetrica ad alta risoluzione, sviluppata dall’Osservatorio vesuviano dell'Ingv in collaborazione con l'Istituto per l’ambiente marino costiero (Iamc) del Cnr, grazie al progetto Monica (Monitoraggio innovativo delle coste e dell'ambiente marino).

Lo studio, finanziato dal Miur, ha ricostruito la morfologia dell'area marina individuando strutture portuali, edifici di età romana fino a 15 metri di profondità, in un contesto ricco di emissioni fumaroliche. Il progetto Monica è finalizzato alla prevenzione e alla gestione delle emergenze ambientali attraverso la realizzazione di un sistema in fibra ottica di sensori installati su fondale marino. L’obiettivo è costituire un sistema di monitoraggio in grado di controllare i fenomeni naturali implementato con sensori capaci di rilevare parametri biologici e di inquinamento marino e fenomeni antropici. È prevista, inoltre, l'installazione di un cavo sottomarino in fibra ottica, che collegherà alla terraferma alcune stazioni di monitoraggio geofisico collocate sul fondo marino.

www.ingv.it

GARR NEWS N° 12 - Giugno 2015

Altri articoli nella rubrica


Archivio GARR NEWS