Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Informativa sulla privacy

GARR-X dalla A alla X

GARR-X dalla A alla X

| Maddalena Vario | osservatorio della rete
Articolo letto 6279 volte
Il consueto appuntamento di aggiornamento sulla rete in fibra ottica di nuova generazione GARR-X

A come Avvio di GARR-X

Nei primi mesi del 2011 è iniziata l’implementazione di GARR-X. I primi interventi hanno riguardato l’accesso delle sedi utente ai PoP di aggregazione e il potenziamento dei collegamenti degli stessi alla dorsale della rete.

Sono oltre 150 i collegamenti già attivati e 30 sono in fase di rilascio, la maggior parte dei quali in fibra ottica. In particolare sono stati potenziati i circuiti di importanti istituti di ricerca del CNR, molti dei quali situati nel Sud Italia.

Molte università sono passate alla fibra ottica con nuovi collegamenti a 1 Gbps: l’obiettivo è di garantire una capacità di accesso pari ad almeno 1 Gbps alle università italiane collegate alla rete GARR.

È partito il progetto pilota per il collegamento di nove Archivi di Stato alla rete GARR e le prime sedi ad essere connesse sono state quelle di Catania, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino, oltre che di Firenze, già collegata dal 1997. È stata collegata alla rete GARR la sede di Bologna del Centro Euro-Mediterraneo per i Cambiamenti Climatici (CMCC), con un link a 100 Mbps in fibra ottica sulla rete metropolitana realizzata in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna. È inoltre raddoppiato il numero delle sedi ENEA collegate direttamente alla rete GARR.

B come Piano B

Continua l’implementazione del piano di emergenza messo a punto per far fronte alla situazioni più critiche con interventi temporanei sull’infrastruttura di GARR-G. In particolare è stato attivato un nuovo collegamento tra il PoP di Milano (MI1- Lancetti) e quello di Bologna (BO1- Morassutti). L’ incremento di capacità di banda è necessario per il trasferimento dei dati del progetto LHC tra il centro di calcolo (Tier1) dell’INFN-CNAF di Bologna e la sede del CERN a Ginevra.

Questo intervento completa le azioni messe in atto dall’estate scorsa per far fronte alle emergenze di alcune università e dei centri di calcolo Tier2 dell’INFN che hanno garantito immediati benefici agli utenti.

C come Capillarità

Per aumentare la capillarità e arrivare in fibra ottica nella sede dell’utente finale, grazie anche all’integrazione con le reti metropolitane e regionali, sono stati attivati nuovi punti di presenza nelle città di Pavia, Palermo e Bologna.

D come dorsale in fibra ottica

La realizzazione delle tratte di dorsale in fibra ottica a lunga distanza è in corso, i rilasci sono previsti alla fine dell’estate, quando potranno essere illuminate dagli apparati trasmissivi WDM.

P come PoP

Numerosi i PoP di aggregazione per i quali sono stati attivati i nuovi collegamenti alla dorsale mediante circuiti in fibra ad almeno 1 Gbps (Ferrara, Pavia, Salerno).

R e S come Routing & Switching

A partire da settembre inizierà l’installazione e cominceranno i test di validazione dei nuovi apparati di routing e switching.

W come WDM

A luglio è prevista l’aggiudicazione della gara per la fornitura degli apparati ottici WDM con l’avvio delle prime installazioni in autunno.

GARR NEWS N° 4 - Giugno 2011

Altri articoli nella rubrica


Archivio GARR NEWS