Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori informazioni sull uso dei cookies e su come eliminarli leggi l'informativa estesa

Abbiamo modificato alcune delle nostre politiche per rispondere ai requisiti del nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). In particolare abbiamo aggiornato la Privacy Policy e la Cookie Policy per renderle più chiare e trasparenti e per introdurre i nuovi diritti che il Regolamento ti garantisce. Ti invitiamo a prenderne visione.

Informativa sulla privacy

Federico Ruggieri

il filo || 12/2018

Scritto da Federico Ruggieri Il . Inserito in Editoriale . Visite: 558

Cari lettori,
benvenuti al nostro diciannovesimo numero di GARR NEWS.

Come ormai sapete, ci piace parlare di temi attuali, dei cambiamenti che possono influenzare le nostre vite e le nostre scelte, ed è per questo che abbiamo dedicato la copertina del numero ai robot intelligenti che ben presto entreranno a far parte della nostra quotidianità in maniera sempre più importante.
I robot sono presenti da anni nelle nostre vite ma non è da molto che si parla di robotica cognitiva, ovvero di robot intelligenti. Ovviamente si tratta di un’intelligenza artificiale, che più comunemente conosciamo come AI, ma questa intelligenza artificiale, complici i Big Data, la disponibilità di risorse di calcolo e di algoritmi sempre più sofisticati, davvero ha in sé un grosso potenziale e ha portato già da ora innovazioni molto interessanti, alcune delle quali vedremo insieme. A noi spetta l’ambizioso compito di capire le conseguenze dell’AI, di monitorarla e scoprire cosa possiamo fare per trarne il meglio e non farci trovare impreparati d’avanti agli importanti cambiamenti che presto arriveranno.
E vedremo anche come la rete, che rappresenta oggi una tecnologia abilitante di importanza strategica per lo sviluppo dell’AI, sia diventata una grande sfida per la robotica cognitiva, sia in termini di trasmissione dei dati in tempo reale, che di qualità di servizio e di larghezza di banda.
In questo scenario, fatto di dispositivi intelligenti che interagiscono a distanza, un ruolo molto importante lo gioca la cybersecurity e perciò vi parleremo di come la sicurezza informatica sia diventata un problema sociale, più che tecnico, che coinvolge la fiducia e la consapevolezza degli individui.
E ancora vi aggiorneremo sugli importanti numeri raggiunti dal nostro servizio per il Wi-Fi eduroam, sulla European Open Science Cloud (EOSC) ed ancora sull’impegno costante di GARR nella formazione, raccontandovi dell’organizzazione di un hackathon sulla piattaforma Cloud GARR, che ha visto una sessantina di studenti e neolaureati in discipline informatiche dell’Università Milano-Bicocca sfidarsi in un’esperienza stimolante e formativa, e degli innovativi progetti dei vincitori delle borse di studio GARR Orio Carlini.

Questo e molto altro troverete nelle prossime pagine, non vi resta che leggerle tutto d’un fiato.
Felice anno nuovo!

GARR News - Testata semestrale registrata al Tribunale di Roma: n. 243/2009 del 21 luglio 2009

Il contenuto di questo sito è rilasciato, tranne dove altrimenti indicato,
secondo i termini della licenza Creative Commons attribuzione - Non commerciale Condividi allo stesso modo 3.0 Italia

GARR News è edito da Consortium GARR, La rete Italiana dell'Università e della Ricerca


GARR News n°19 - Dicembre 2018 - Tiratura: 10.000 copie - Chiuso in redazione: 23 luglio 2018
Redazione GARR News
Hanno collaborato a questo numero: Francesca Aloisio, Valeria Ardizzone, Claudio Barchesi, Alex Barchiesi, Paolo Budroni, Francesco Ceccarelli, Giovanni Cioni, Alberto Colla, Patrizia Cuppini, Nevio Dubbini, Marco Ferrazzoli, Roman Ganguly, Corrado Giustozzi, Giuliano Greco, Pasquale Mandato, Silvia Mattoni, Laura Moretti, Michele Nardini, Claudio Pisa, Mario Reale, Roberta Rezoalli, Bruno Santeramo, Antonella Varaschin, Gloria Vuagnin, Massimo Zallocco


 

Abbiamo 393 visitatori e nessun utente online